Sai qual è l'ultima versione del Wi-Fi?
Va bene se non lo sai.

Se avete mai comprato un router Wi-Fi, potreste aver dovuto affrontare le specifiche che si leggono in maniera del tutto incomprensibile – come “802.11ac” o “a/b/g/g/n”. Ma andando avanti, Wi-Fi sta adottando i numeri di versione in modo che sia più facile capire se il router o il dispositivo che si sta acquistando è di ultima versione. Attualmente siamo arrivati alla Wi-Fi versione 6.

wifi evolution - Wi-Fi versione 6

In passato, le versioni Wi-Fi erano identificate da una lettera o da una coppia di lettere che si riferivano a uno standard wireless. La versione attuale è 802.11ac, ma prima di questo, avevamo 802.11n, 802.11g, 802.11a e 802.11b. Non era comprensibile, quindi la Wi-Fi Alliance – il gruppo che gestisce l’implementazione del Wi-Fi ha deciso di cambiare lo standard adottando le versioni, cosi che ora abbiamo Wi-Fi versione 1, versione 2, 3, 4 ,5 fino alla 802.11ax denominata Wi-Fi versione 6

Tutti quei nomi in codice contorti vengono cambiati. Così, invece di chiamare l’attuale Wi-Fi 802.11ac, verrà chiamato Wi-Fi 5 (perché è la quinta versione). Probabilmente avrà più senso in questo modo, a partire dalla prima versione di Wi-Fi, 802.11b:

Generational Wi Fi - Wi-Fi versione 6

Ora, invece di chiedersi se “ac” è meglio di “n” o se le due versioni funzionano anche insieme, basta guardare il numero. Wi-Fi versione 6 è più alto di Wi-Fi versione 4, quindi ovviamente è meglio. E dato che le reti Wi-Fi hanno sempre lavorato insieme, è un po’ più chiaro che i dispositivi Wi-Fi versione 6 dovrebbero essere in grado di connettersi anche con i dispositivi Wi-Fi 4. (Tecnicamente, Wi-Fi 1, Wi-Fi 2, Wi-Fi 3 e Wi-Fi 4 non sono stati etichettati perché non sono ampiamente utilizzati).

La Wi-Fi Alliance vuole anche far sì che questo simbolo non si limiti all’hardware. Così, in futuro, quando ti connetterai a una rete Wi-Fi sul tuo telefono o laptop, il tuo dispositivo ti dirà a quale versione Wi-Fi sei connesso. In questo modo, se sono disponibili due reti – una mostra “4” e l’altra mostra “5” – potrai scegliere l’opzione più recente e più veloce.

I dispositivi Wi-Fi che supportano l’ultima generazione di connettività sono basati sullo standard 802.11ax e sono noti come dispositivi Wi-Fi versione 6.

Kevin Robinson, responsabile marketing dell’Alleanza, ha detto. “E’ molto improbabile che venga immediatamente adottato universalmente – questo non è il modo in cui queste cose funzionano. Ma l’industria si sposterà verso questo approccio generazionale del dominazione, e alla fine i consumatori e l’industria ne traggono entrambi beneficio”.

Robinson dice che la conversazione sul cambiamento di nome delle generazioni Wi-Fi è stata “molto trasparente” e che i membri hanno discusso del cambiamento tra di loro, quindi dovrebbero essere consapevoli del fatto che sta accadendo. L’Alleanza non può costringere nessuno ad adottare il marchio, e richiederà uno sforzo sincronizzato e concertato del settore per cambiare in un modo che non finisca per aggiungere ulteriore confusione. Secondo l’Alleanza, tuttavia, l’anno prossimo i dispositivi Wi-Fi versione 6 inizieranno ad essere disponibili sul mercato globale.

Ora che la rinominazione retroattiva è stata completata, è tempo per il futuro. Se avete seguito da vicino gli sviluppi dei router nel corso dell’ultimo anno (non ci sono giudizi qui), saprete che la prossima generazione di Wi-Fi è all’orizzonte, con la promessa di velocità più elevate e migliori prestazioni nella gestione di una moltitudine di dispositivi. Doveva chiamarsi 802.11ax, a questo punto, si chiamerà Wi-Fi versione 6.

Wi-Fi Alliance afferma che si aspetta che le aziende adottino questa pubblicità numerica al posto delle classiche versioni con le lettere. Si aspetta anche di vedere le versioni precedenti di Wi-Fi che iniziano ad essere indicate dai loro nomi aggiornati e numerati.

service list with intro 3267 - Wi-Fi versione 6

In ogni caso, è molto probabile che ci sia una certa confusione nel frattempo, dato che i consumatori si abituano alla nuova denominazione e le aziende non sono standardizzate in base alla convenzione che usano. Dopo anni di lettere, è possibile che possa essere ugualmente complicato vedere improvvisamente un numero. E se, ad esempio, il prossimo iPhone pubblicizza il supporto per 802.11ax invece di Wi-Fi 6, allora questo sforzo di branding non potrebbe andare da nessuna parte.

Finora, diverse società di produzione router di consumo è a favore del cambiamento: Netgear, che in una dichiarazione che accompagna l’annuncio del cambio di marchio ha detto di ritenere che “questo aiuterà i clienti a comprendere e apprezzare meglio” la differenza tra le generazioni di Wi-Fi. Ciò suggerisce che il prossimo anno si inizierà ad avere un riscontro di pubblico, almeno su alcuni router più recenti troveremo marchio Wi-Fi versione 6.

Nel complesso, penso che sia una buona idea. Nessuno dovrebbe essere costretto a capire quale collezione arbitraria di caratteri rappresenta la versione di Wi-Fi. I numeri di versione sono intuitivi e ampiamente compresi. Cambiare il marchio potrebbe diventare un problema, ma sembra un futuro più semplice per la denominazione del Wi-Fi.